menu

Barra di ricerca: Lettera Titolo Genere Sistema

Chippoke Ralph No Daibouken


Sw House:New
Anno:1999
Genere:platform
Lingua:
Voto staff:
Voto utenti:
0
Maggiori info:link al forum link recensione non presente link wiki link moby non presente
Piattaforma:Playstation one
disponibile
 
Screenshots
Descrizione
Chippoke Ralph no Daibouken è un gioco elegante, in grado di riesumare un modo d’intendere il platform game che, nel 1999, sembrava perso per sempre. La struttura denota un raffinato gusto neoclassico, ergendosi così ad ultimo baluardo dell’immediatezza e della giocabilità, a fronte di un presente che dei fasti del passato conserva solo il languido riflesso. New, oscura software house giapponese, dà prova di grande padronanza espressiva, districandosi con disinvoltura nella miriade di spunti offerta dai maggiori esponenti del genere, dagli anni ’80 sino ai fasti delle prime produzioni a 32 bit. Da questo punto di vista, Ralph no Daibouken è il frutto di un minuzioso lavoro di ricostruzione filologica, capace di trarre il meglio da ogni modello ideale, senza per questo escludere un consistente elemento propositivo.
Il risultato è un gameplay dal carisma inimitabile, che concilia naturalezza e profondità, in un susseguirsi di azioni primigenie ed essenziali. L’utilizzo della spada avviene mediante la pressione di un unico tasto, eppure la varietà di colpi è notevole e le movenze del protagonista non appaiono mai ripetitive. Il sistema di controllo è assimilabile sin dalla prima partita, ma questo non rende il gioco troppo semplice. Alla base del grande equilibrio tra elementi opposti pare vi sia una cura maniacale per il dettaglio, che trova lampante dimostrazione anche nella ritmica della movenza scenografica: l’ambiente è contraddistinto da specifiche scansioni dinamiche a cui dobbiamo necessariamente uniformare il nostro incedere. Il tempismo acquisisce un ruolo cruciale, mentre il disegno ludico ostenta una profondità inaspettata e in un certo senso spiazzante, che raggiunge il picco massimo nella coesione del gameplay con lo sfarzoso comparto tecnico. Fondali iridescenti, variopinti, che fanno della screziatura e della radicale policromia la base di un’espressività trasognata, immaginifica, poetica. O, ancora, forme nette e colori puri che si amalgamano nello scrolling di innumerevoli strati parallattici. Le varianti sono molteplici, ma il denominatore comune è la cura posta nella costruzione dell’immagine: dallo splendore degli edifici visti ed intravvisti in lontananza nel paesaggio urbano del primo livello, alla dovizia di particolari con la quale sono realizzati i geroglifici all’interno della piramide del terzo. Per non parlare degli oggetti semoventi e della loro impeccabile caratterizzazione, della simpatia e della varietà dei nemici che ci troveremo ad affrontare, del design dei boss… La proverbiale ciliegina sulla torta è costituita da un sonoro fatto di motivetti incalzanti, a tratti spensierati, altre volte in grado di conferire all’atmosfera la giusta intensità.
Il titolo New raggiunge l’eccellenza da tutti i punti di vista. Mai ripetitivo, sempre ricco di trovate interessanti, primordiale e fanciullesco al punto giusto, senza per questo scadere nell’ingenuità. Cala qui il sipario sul platform game bidimensionale su console domestica, lasciandoci con un pizzico di amarezza. Perché Ralph no Daibouken è l’ennesima dimostrazione di quanto questo genere avrebbe ancora da dire.
Commenti
Testato con successo sull'emulatore ePSXe
Aggiungi un commento
NB: Per inserire un commento devi essere autorizzato dallo staff. Riporta i tuoi dati.
Gli utenti non registrati possono lasciare commenti anonimi nel guestbook
Grassetto Corsivo Sottolineato Barrato Quotato HyperLink Annulla formattazione


Username:   Password:   

Anteprima commento: